Home / storia di un genitore / Il padre drogato spara, il giudice non si presenta 4 volte alle udienze e la madre e la figlia che fine faranno?

Il padre drogato spara, il giudice non si presenta 4 volte alle udienze e la madre e la figlia che fine faranno?

Condivido dopo aver avuto il consenso dalla sig.ra che ci scrive questa vicenda che vi assicuro per quanto pazzesca fa parte del sistema dell’affidamento condiviso all’italiota… Ma cosa si deve fare per tutelare figli e genitori se il sistema fa acqua da tutte le parti?

—-

Ciao come d’accordo ti scrivo la mia storia.

Nel maggio 2009 veniva sentenziato l’affidamento condiviso di mia figlia, il giudice non prese in considerazione le mie motivazioni dove sostenevo che il padre era inaffidabile.

Agosto 2009 smette di versare il mantenimento della figlia oltre che non poteva tenere la minore perché doveva rientrare al lavoro.

Da ottobre 2009 il padre sparisce definitivamente.

Nel febbraio 2010 tramite i carabinieri vengo informata che è stato arrestato.

Aprile 2010 deposito al tribunale dei minori ricorso urgente dove viene richiesto l’affidamento e la podestà esclusiva per me.

Ottobre 2010 prima sentenza ovviamente il giudice onorario non si presenta come in tutte le altre 4 sentenze.

Vengono incaricati i servizi sociali per relazionare la nostra vita al giudice.

L’assistente relaziona tutto a favore mio.

La settimana scorsa ennesimo aggiornamento dei servizi sociali in dicembre avrei l’altra sentenza.

Sono stata ristretta sulla nostra vicenda evitando di scrivere le varie minacce di morte che ci sono giunte dal padre oltre che le lesioni personali

Dal punto legislativo il giudice è stato troppo superficiale omettendo di ascoltare le mie paure/ansie quando mia figlia era con il padre.

Il padre nel dicembre 2009 sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sparava per le vie della città chi non avrebbe paura x la propria vita e quella della propria figlia e del compagno

About admin

Check Also

SOLITUDINE - affido ocndiviso

È UN MOSTRO ALTO UN GRATTACIELO, DICE DI CHIAMARSI SOLITUDINE.

Vi racconto la storia di un padre separato di nome Renato, nato a Roma ma che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *